fbpx
giovedì, Novembre 21, 2019

Vuoi classificare i tuoi partner sessuali? Ora è possibile grazie a The LIST

C’è un’applicazione, disponibile sia per Android che per il sistema IOs, che permette di classificare i tuoi partner sessuali. Proprio come in un episodio di Black Mirror, o quasi.  È possibile farlo grazie a The List, un’applicazione che in poco tempo ha preso piede anche qui in Italia. Lanciata da alcuni influencer negli Stati Uniti, le ricerche affermano che è stata una delle app più utilizzate in questa lunga estate caldissima.

Il sistema di The List è molto semplice. C’è la possibilità di annotare e classificare le caratteristiche di ciascuno partner sessuale, attribuendo voti alle performance, all’aspetto esteriore, e memorizzare persino le posizioni più riuscite e appaganti. Un lavoro non facile, ma per l’uomo single che è dedito alle scappatelle, questa è un’app molto utile. The List funziona come un vero e proprio videogames.

app The List

Via via che si accumulano esperienze e si annotato le caratteristiche della propria conquista, verranno sbloccati dei badge e ci saranno dei “premi” man mano che la classifica si allunga. Alla base di The List deve esserci la sincerità. Nessuno dovrebbe mentire se si tratta di sesso e di avventure da una notte sola. Questi badge consistono anche nella conquista di un paese, ogni volta che si raggiungere un determinato risultato, soprattutto se si aggiungono partner stranieri. Un’app utile, un giochino per dilettarsi e fare la conta di tutti i partner sessuali, ma The List è anche un esperimento sociale. In forma strettamente anonima, vengono raccolti le statiche per mappare i gusti, le abitudini sessuali e le caratteristiche del partner. The List è l’unica app legale per recensire le prestazioni, diversamente da altre invenzioni che, almeno negli Stati Uniti, sono state ritirare dal commercio perché illegali.

Related Posts

Grindr avrebbe inviato dati sensibili ad altre aziende
Grindr fa un passo avanti nella lotta all’HIV
wimbify
Wimbify: entrate con noi nell’era della condivisione