fbpx

Ungheria, sindaco vieta l’accesso a gay e musulmani: “Qui non li vogliamo”

Reading Time: < 1 minute

Succede a Asotthalom in Ungheria:”Qui siamo tutti bianchi, europei e cristiani, vogliamo mantenere questa situazione e non vogliamo immigrati o omosessuali”

L’ultradestra in Ungheria, nel villaggio di Asotthalom, prende una posizione di chiusura netta nei confronti di gay e musulmani. La decisione arriva da Laszlo Toroczkai, sindaco della cittadina situata ad un passo dalla frontiera con la Serbia. Toroczkai, membro del Jobbik il partito di destra radicale, ha varato due nuove leggi. Contro la residenza in loco di musulmani e contro l’amore e le coppie omosessuali.

Per ordinanza del sindaco è vietata qualsiasi manifestazione pubblica di amore tra coppie omosessuali. Vietato inoltre indossare abiti strettamente musulmani, fare appelli alla preghiera e costruire moschee.

Ungheria QMagazine

Una cittadina locale, intervistata dalla Bbc si è espressa in questo modo: “Alcuni gay vivono da noi, ci capita di parlare, sono molto gentili, poi ciò che fanno a casa loro non ci riguarda, siamo tutti esseri umani”.

“Qui siamo tutti bianchi, europei e cristiani, vogliamo mantenere questa situazione non vogliamo immigrati o omosessuali“, ha detto il sindaco. Che ha poi aggiunto: “Vediamo che esistono in Europa occidentale vaste comunità di musulmani che si sono mostrate incapaci di integrarsi, e non vogliamo vivere la stessa esperienza qui. Vorrei che l’Europa appartenga agli europei, l’Asia agli asiatici e l’Africa agli africani”.

Nel comune vivono due persone musulmane, integrate da tempo nella società locale.
Il prefetto (rappresentante del governo) ha presentato una denuncia alla Corte suprema per l’abrogazione dell’ordinanza locale.

 

 

Related Posts

USA | Pete Buttigieg è il PRIMO segretario dei trasporti apertamente gay confermato dal Senato
Madonna - Alex Molla
Madonna da Record su Spotify nel 2020
Ungheria: il vice primo ministro chiede il divieto della propaganda gender