fbpx
giovedì, Novembre 21, 2019

“Un film che, con amore e ironia, lotta contro l’omofobia.” Al Lovers Film Festival sarà presentato “L’unione falla forse”

La cultura e l’arte cinematografica camminano come sempre di pari passo con la politica e l’impegno nel sociale.  E in un periodo in cui si discute spesso di diritti e diversità, è giusto aprire una parentesi e sensibilizzare le masse su temi molto importati. Nella 34esima edizione del Lovers Film Festival, rassegna che celebra la filmografia queer, verrà presentato un docu-film attualissimo che sicuramente farà discutere.

Si tratta di “L’unione falla forse” di Fabio Leli che debutterà in rassegna il 25 aprile. Il regista pugliese, che è stato conosciuto per “Vivere alla Grande”, questa volta realizza un progetto che affronta di petto l’omofobia e le unioni civili. Al centro della vicenda ci sono due famiglie arcobaleno, due ragazzi della Puglia e due donne di Palermo, con la loro famiglia. Nel docu-film previsto al Lovers Film Festival, la vita serena delle coppie, così simile e così usuale, verrà intervallata da interviste degli esponenti del Family Day e del Congresso delle Famiglie, tra cui anche Adinolfi, i quali esporranno con chiarezza le proprie idee su sessualità e omofobia.

Come lo stesso regista ha dichiarato: “il film è un racconto che, con amore e ironia, vuole lottare contro l’omofobia”. Infatti “L’unione falla forse”, rappresenta un importante documento di attualità alla luce delle tante difficoltà che la comunità LGBT sta affrontando. Un docu-film che vuole fermare il dilagare di idee malsane espresse dai movimenti Pro life – di stampo cattolico – e all’exploit di partiti che hanno raccolto tra le loro schiere personaggi di dubbia moralità. Un progetto che vuole aprire le menti e il cuore, sensibilizzando i diritti delle famiglie arcobaleno che, a gran voce, chiedono un riconoscimento della loro esistenza, a causa del taglio della Stepchild Adoption e sulla pratica scellerata della dicitura padre-madre imposta dal ministro Salvini.

La presentazione è prevista al Cinema Massimo e, oltre al regista, saranno presenti anche le due mamme protagoniste del film,  insieme  alla presidente e alla responsabile di “Famiglie Arcobaleno.” “L’unione falla forse” è stato comunque già presentato in Europa con grande successo, arrivando in Romania, India e in Norvegia, per terminare poi  la corsa il 2 Maggio quando arriverà nei cinema italiani grazie a EffeCinematografica.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=X2CosXZOj-c]

Related Posts

La dea Fortuna
È in arrivo La Dea Fortuna. A Natale Ferzan Ozpetek per una toccante storia sull’omogenitorialità
QMagazine | La nuova edizione autunno inverno 2019-20
Trick film LGBT
20 anni fa nei cinema c’era “Trick”. Perché ancora oggi è un classico della filmografia queer