fbpx
lunedì, Dicembre 9, 2019

Sud Africa | La prima struttura sanitaria per i transgender

Il Sud Africa segna la storia con la costruzione della prima struttura sanitaria per le persone trans. Il “Whits Reproductive Health and HIV Institute” (WRHI) ha creato uno spazio sicuro per i transgender in cerca di assistenza sanitaria.

Spesso in Sud Africa per i transessuali è ancora difficile accedere all’assistenza sanitaria senza subire pregiudizi e discriminazioni. Nonostante nel paese i membri della comunità LGBTQ+ dovrebbero godere degli stessi identici diritti delle persone eterosessuali, vengono spesso trattati come cittadini di “serie B”.

A riguardo, il canale televisivo eNCA ha raccolto alcune testimonianze di sud africani transessuali. Tiny Williams, una donna transgender, descrive le sue esperienze con gli ospedali pubblici dicendo: “Quando vado lì a chiedere cure, alcuni iniziano a spettegolare, altri ridono di me e di quello che sono per il semplice di essere nato gay.

Invece, parlando del “Whits Reproductive Health and HIV Institute” Williams afferma: “Entro 5 minuti ho fatto tutto e non sento mai critiche su come sono”.

Related Posts

Otis: il primo neonato nato con la maternità condivisa
Giordana Angi si confessa in esclusiva a QMagazine
Cristina Leo: PRIMA assessora transessuale in Italia