fbpx
venerdì, Luglio 19, 2019

SMACK: Il primo Musical a tematica LGBT originale italiano

SMACK IL MUSICAL – Ama chi ti pare: il primo Musical a tematica gay originale italiano

Che cos’è l’amore nel ventunesimo secolo? Non è facile rispondere a questa domanda. Ad esempio, il filosofo sud-coreano Byung-chul Han risponderebbe che oggi l’amore è mercificato, ovvero è sempre più un rapporto tra due persone che si consumano a vicenda e che poi si buttano reciprocamente via dopo aver consumato l’atto sessuale. Sicuramente questa interpretazione è estrema ma altrettanto sicuramente, la rivoluzione sessuale degli anni ’70 ha portato molta apertura nella sfera sessuale, la quale fino ad allora era rimasta soffocata e ostacolata dai severi precetti religiosi e dalla morale laica. Perciò per alcuni, malgrado pensino che la libertà sia sempre da preferire, questa eccessiva libertà sessuale ha mortificato il senso e il significato dell’amore. Ciò che ancora però stenta ad attecchire nella società è il rispetto per la diversità. Ancora oggi alcuni pensano che sia necessario etichettarsi, tradendo il povero Nietsche, il quale ha dedicato tutta la sua vita a sostenere che nel mondo regna la diversità e il caos, e provare ad ordinarlo è una perdita di tempo. Tuttavia c’è ancora chi ci prova. Affare loro, perderanno tutti i loro capelli. Infatti c’è chi ama una persona che ha il suo stesso sesso, chi ama un proprio “io” ideale che non trova conferma nel suo “io” biologico e che quindi prova a trasformarsi. Esistono tanti tipi umani, tanti quanti il numero della popolazione mondiale. Perché la diversità regnerà sempre e comunque. Per urlare questo concetto al pubblico milanese, il regista Manuel Regna ha messo in piedi, con tutto il suo cast, lo spettacolo SMACK IL MUSICAL – Ama chi ti pare. Il cast è composto da vari giovani attori tra i quali: Ivan Portale, Luca Pozzar, Chiara Anicito, Monica Faggiani, Valerio Ameli, Dario Guidi e Eugenio Noseda. Il libretto e le liriche sono di Tobia Rossi, le musiche di Francesco Lori, l’Art Director e Concept Project è Barbara Cardinetti, le coreografie sono di Monica Vallini, i costumi di Barbara Petrecca e la revisione dei testi di Elisa Vottre.

La storia di SMACK IL MUSICAL – Ama chi ti pare

 Milano, oggi. Fil, Marti, Anto e Lu sono quattro amici inseparabili. Da qualche tempo hanno unito le forze e, non senza un po’ di sacrifici, gestiscono lo Smack, luogo di ritrovo della comunità lgbt e piccolo tempio della spregiudicatezza e della libertà d’espressione, dove – tra le altre cose – si esibiscono come drag queen. Il futuro del club viene messo a rischio quando Clara, ricca vedova proprietaria dell’immobile, consigliata da uno spasimante venale ed omofobo, decide di alzare vertiginosamente l’affitto, rendendolo impraticabile per i quattro. Gli amici notano però che Gemma, sprovveduta e naif figlia ventenne di Clara, ha un debole per Fil, il leader del gruppo. La ragazza è talmente ingenua che non si cura dell’omosessualità di Fil. I ragazzi allora propongono a Fil di fingersi interessato a Gemma, flirtare con lei e convincerla ad abbassare l’affitto imposto dalla madre. Le cose però non vanno esattamente come previsto: nel frequentare Gemma, Fil scopre una parte di sé totalmente nuova e sconosciuta, che finisce per destabilizzare l’equilibrio tra i ragazzi e mettere in discussione ogni certezza. Come se i problemi dello Smack non fossero già abbastanza, nel locale piomba come un fulmine a ciel sereno Tommi, un adolescente cacciato da casa dal padre in cerca di un tetto per la notte… trascorrerà coi ragazzi molto più tempo del previsto…

Su INSTAGRAM trovi smackilmusical

Related Posts

idealista celebra l’amore e la diversità in tutte le sue forme al Milano Pride
Accademia: il nuovo romanzo LGBTQ+ di Deo
Le fate ignoranti diventa una serie tv (dichiarato dallo stesso regista Ferzan Özpetek)