fbpx
venerdì, Gennaio 22, 2021

Polonia | Psicologi e terapeuti si uniscono per condannare la terapia di conversione LGBTQ+

Reading Time: < 1 minute

Dopo la Conferenza Episcopale Polacca, i vescovi hanno promosso l’idea di istituire delle cliniche per la terapia di conversione per le persone LGBTQ+. (Vedi: https://quiikymagazine.com/i-vescovi-polacchi-chiedono-lapertura-di-cliniche-per-la-terapia-di-conversione-lgbtq/).

Ora, psicologi e terapeuti da tutta la Polonia hanno inviato una lettera aperta alla comunità LGBTQ+, pubblicata dal quotidiano Gazeta Wyborcza, per condannare questa brutale terapia. In particolare, scrivono: “Ci opponiamo alle idee promosse con il pretesto della terapia di conversione, indipendentemente dalla forma o dal nome che viene dato a tale terapia. In qualità di comunità di professionisti, ci sentiamo impegnati a diffondere le conoscenze scientifiche sulla sessualità umana e sull’identità di genere, ad opporci alla violenza e a fornire aiuto a coloro che stanno affrontando le sue conseguenze.

Sfortunatamente, il pregiudizio è qualcosa che incontri anche negli studi medici o nelle cliniche. Prima di decidere di partecipare a sessioni con un consulente specifico, chiedi quali sono le sue qualifiche, la sua esperienza professionale e la sua posizione nei confronti delle persone LGBT+. Hai il diritto di prenderti cura di te stesso e di stabilire fin dall’inizio se la persona a cui stai cercando aiuto è guidata da principi scientifici o da opinioni private molto particolari su questioni riguardanti l’orientamento sessuale e l’identità di genere di una persona.

Assicurati di cercare raccomandazioni da organizzazioni sociali che lavorano con minoranze sessuali, fai domande dirette e aspettati che il tuo consulente convalidi la sua qualifica professionale con documenti ufficiali.

Ci scusiamo per ogni situazione dove, invece di ricevere l’aiuto che stavi cercando, hai trovato una brutta parola, una diagnosi ostinata, un rifiuto o una posizione ideologica travestita da trattamento. Questo non sarebbe dovuto accadere e continueremo a ricordare al nostro ambiente professionale gli standard della consulenza psicologica e lo stato della ricerca scientifica”.

Related Posts

In Israele essere trans non è più considerato per legge un disturbo mentale
Nicholas Yatromanolakis, il primo ministro gay della Grecia, si racconta
Repubblica Ceca: no all’adozione da parte di coppie gay