fbpx
martedì, 21 Gennaio, 2020

NBA sposta All-Star Game a New Orleans perché più gayfriendly

La NBA ha deciso di spostare gli All-Star Game da North Carolina a New Orleans, perché si tratta di un posto più gayfriendly.

La NBA ovvero la National Basketball Association americana ha annunciato che per il prossimo 2017 non disputerà più gli All-Star Game in North Carolina, ma nel New Orleans che ha una politica esplicitamente più inclusiva e non discriminante nei riguardi della comunità Lgbt.

Nel 2015 il sindaco di New Orleans, Mitch Landrieu, in un tentativo di contrastare una legge anti-Lgbt promossa dal governatore Bobby Jindal, ha emanato una propria legge a favore della comunità Lgbt per proibire qualsiasi discriminazione in ambito lavorativo, domiciliare e pubblico.

“La politica di New Orleans, esplicitamente non discriminante verso le persone Lgbt, assicurerà protezione e salvaguardia da ogni tipo di discriminazione a tutti gli impiegati NBA, giocatori e fans che parteciperanno agli All-Star Game”, ha commentato Chad Griffin, presidente della Campagna per i Diritti Umani, che ha poi continuato dicendo che questa potrebbe essere una opportunità per il North Carolina di rivedere la propria politica e rimediare alla diffusa reputazione discriminatoria.

Related Posts

Cina: l’introduzione dei matrimoni LGBTQ+ è sempre più vicina
Spotify e Twitter sospensione in USA
Cambogia | Nelle scuole educazione al mondo LGBTQ+ per affrontare le discriminazioni