fbpx
sabato, Ottobre 24, 2020

Le Isole Cook rinviano la decisione sulla depenalizzazione dell’omosessualità

Reading Time: < 1 minute

La scorsa settimana, durante una seduta del Parlamento delle Isole Cook, è stato rinviato, di un periodo di tre mesi, la presentazione di un rapporto relativo alla legge sui crimini del Paese.

Tale rapporto era molto importante per la comunità LGBTQ+ e gli attivisti locali costretti a dover aspettare ancora per vedere attuata qualsiasi eventuale decisione in merito alla depenalizzazione dell’omosessualità dai reati del Paese.

Purtroppo, ancora oggi, le Isole Cook sono molte arretrate per quanto riguarda i diritti LGBTQ+ che possono definirsi del tutto inesistenti. Sulle Isole infatti sono riconosciute sole le relazioni dello stesso sesso fra donne e non fra uomini. Addirittura, la sodomia prevede una pena fino a 14 anni di carcere mentre gli uomini colti in flagrante a compiere “atti impuri” rischiano fino a 5 anni di carcere.   

Related Posts

Canada | Reintrodotto il disegno legge per vietare la terapia di conversione LGBTQ+
Tiziano Ferro e Jonathan Bazzi sostengono “Ora Basta!” la manifestazione per una contro l’omolesbobitransfobia e la misoginia subito
California: i detenuti trans saranno incarcerati secondo l’identità di genere