fbpx
venerdì, Gennaio 15, 2021

“Le Deva” il gruppo femminile tutto italiano in un intervista esclusiva.

Reading Time: 6 minutes

IL GRUPPO FOMATO DA 4 RAGAZZE, GRETA, LAURA, ROBERTA E VERDIANA, NASCE E SI FORMA NEL 2016. IL SIGNIFICATO DEL LORO NOME FA RIFERMINETO A SPIRITI DELLA NATURA APPARTENETNI A DIVERSE MITOLOGIE, COME MAI QUESTA SCELTA E PERCHE’?

Verdiana: Deva è la crasi tra D di donna ed Eva la prima donna proprio a voler sottolineare che la forza del gruppo risiede proprio nella forza dell’Unione delle donne. Inoltre i 4 elementi naturali che originano la vita si riconoscono nei Deva, tutti indispensabili e imprescindibili per poter vivere per sottolineare che ognuna di noi è indispensabile per l’altra.

IL VOSTRO PRIMO SINGOLO “L’AMORE MERITA” E’ DIVENTATO SUBITO UN DISCO IMPORTANTE PER LA VOSTRA CARRIERA, COME VI SIETE SENTITE NEL RAGGIUNGERE QUESTO GRANDE TRAGUARDO?

Verdiana: non ce lo aspettavamo è stato per noi molto importante che una canzone manifesto del libero diritto di amare sia entrata nel cuore di tanta gente.

IL NUOVO SINGOLO “BRILLARE DA SOLA” VIENE SCRITTO E CANTATO DA VOI CON UN PRECISO MESSAGGIO, CI VOLETE RACCONTARE COM’E’ NATA L’IDEA?

Verdiana: Brillare da sola non è altro che l’invito a credere in se stessi, e a trovare la propria luce solo attraverso la propria forza. È un brano che era nel cassetto da un po’ di tempo, un pezzo per noi molto

Importante scritto da Tony Maiello e Marco Rettani.

STATE PREPARANDO UN NUOVO ALBUM E SARA’ PREVISTO UN TOUR IN ITALIA?

Verdiana: Stiamo lavorando ad un nuovo disco, con brani nuovi che partono anche direttamente da noi come autrici. Speriamo di poter tornare sul palco molto presto, appena sarà possibile programmeremo anche un live tour

IL VOSTRO PARERE SULLA MUSICA CONTEMPORANEA TRA I PIÙ GIOVANI, REGGAETON E TRAP. CHE MESSAGGIO PUO’ DARE ALLE NUOVE GENERAZIONI CHE, PER MOLTI MA NON TUTTI, NON CONOSCONO MICHAEL JACKSON?

Roberta: I giovani di oggi sono nati in un era in cui c’è questo tipo di musica quindi di conseguenza è anche una sorta di “abitudine” se così vogliamo chiamarla. Però ci sono anche adolescenti appassionati di musica a 360 gradi che oltre ad ascoltare quello che il mercato offre al momento, scoprono anche artisti che fanno altri generi, come può essere il pop e il cantautorato. 

ESSERE ARTISTA, SIGNIFICA SOLO PASSARE DA “X-FACTOR” O “AMICI”?

Roberta: I talent sono delle vetrine che ti danno il modo di arrivare alla gente in brevissimo tempo in quanto lo si fa attraverso la tv. Sicuramente anche solo entrare a far parte del cast è difficile proprio perché ormai le persone che si presentano ai provini sono migliaia, ma sicuramente non sono un punto di arrivo, ma un “passaggio” che ti può permettere di aggiungere al tuo bagaglio musicale un’esperienza importante.

DA SEMPRE, PRIMA COME DONNE E POI COME ARTISTE IN UN GRUPPO, VI BATTETE PER L’UGUAGLIANZA DEI DIRITTI. QUALE MESSAGGIO IN PARTICOLARE VOLETE ESPRIMERE ED AVETE ESPRESSO CON LA VOSTRA MUSICA?

Roberta: La musica è sempre stata la nostra “compagna di vita” come lo è per molti e abbiamo deciso di renderla uno strumento per far passare un messaggio, unendo la nostra grande passione a un messaggio in cui tutte crediamo e che sosteniamo fortemente: l’uguaglianza dei diritti

ATTUALMENTE SIETE L’UNICO GRUPPO TUTTO AL FEMMINILE ITALIANO, NON CONTANTO LE “LOLLIPOP“. AVETE IN COMUNE QUALCOSA CON LORO E SE SI QUALE? COSA VI CARATTERIZZA RISPETTO ALLE “LOLLIPOP“?

Roberta: Sicuramente abbiamo in comune il fatto che rappresentiamo il “Girl Power”, quindi si può condividere un progetto importante con altre colleghe donne. 

COME ACCENNAVATE ORA, IL MOVIMENTO A FINE ANNI ’90 “GIRL POWER” CREATO DALLE SPICE GIRLS, HA RIVOLUZIONATO, ANCHE E SOPRATTUTTO GRAZIE A MADONNA CHE HA “SPERIMENTATO” TUTTO A 360° ABBATTENDO OGNI BARRIERA AL LIMITE ANCHE DELLA “SCOMUNICA“, TRASMETTENDO MESSAGGI MOLTO INCISIVI. IN COSA VI ROCONOSCETE E CREDETE SIA STATA UNA SORTA DI “RE-VOLUTION E RE-INVENTED” NELLA MUSICA DI OGGI?

Roberta: Il “Girl Power” è un messaggio che non passerà mai di moda se così vogliamo dire e non deve mai passare. Ci sono persone che pensano che le donne siano il sesso debole, ma si sbagliano. Vivere una vita da donna richiede molta più determinazione e forza rispetto a quella di un uomo perchè purtroppo richiede di dover sempre dimostrare di essere all’altezza del proprio compito. Una donna sa essere apprensiva, dolce, tenera, ma questo non vuol dire che non può essere anche forte e coraggiosa allo stesso tempo. Questo messaggio non deve passare mai. La forza delle donne é potente e lo è ancora di più se raggruppata con la forza di più donne! 

QUAL E’ LA VOSTRA MUSICA DI RIFERIMENTO A CUI MAGARI VI ISPIRATE?

Laura: Questa è sempre una domanda che spero non mi facciano mai…e poi taaaaac! Inevitabile e giusta anche, solo che per un artista, o almeno per me, ogni volta rispondere viene difficile perché è come dover riassumere la tua esperienza musicale che ti ha portato ad essere l’artista che sei ora in pochi nomi, ed escludere taluni piuttosto che altri diventa quasi fare un torto ai tuoi “genitori” musicali 😂😂😂. Ad ogni modo, Roby ha un amore folle per Tori Amos ad esempio, lo si potrebbe chiamare il suo primo amore. Ma dopo il primo, ecco, ha spaziato, ha sperimentato l’amore per il jazz, il pop, senza andare nei sottogeneri, fino al rock blues di John Mayer. Verdi ha cominciato a masticare bocconi di cantautorato sin da bimba sui primi palcoscenici insieme a suo padre, anch’esso musicista, fino a divorare culture musicali differenti come il soul, il jazz e l’afro music. Greta con quell’aria da ribelle è facile capire che provenga dall’Hard Rock, specialmente quello dei Deep Purple e dei Led Zeppelin che tra gli altri l’hanno formata, ma non le bastava, e non le basta ancora il pop, l’R&B, la Black Music. Non basta mai la musica. E non basta neanche a me che sono cresciuta letteralmente a pane e Battisti, fino a toccare con il cuore tutto ciò che mi faceva emozionare come “Still Loving You” degli Scorpions o “The Beautiful People” di Marilyn Manson. E tra una cosa e l’altra sono arrivata a quella che sono oggi, che tra 5 minuti ascolterà Vivaldi e tra 20 Fabri Fibra.

“POLISESSUALE” PER VOI OGGI CHE SIGNIFICATO ASSUME?

Laura: Poli che 😂?? Noi crediamo che dare a tutti i costi un nome ad ogni cosa, un’etichetta a tutto, sia un po’ come riservare a pochi o molti che siano una determinata cosa, è fare generi e sottogeneri, mentre l’amore per noi non è riservato, non è per pochi, molti, questi o quelli, è per tutti. L’amore è universale! Universale, questa sì che è una bella etichetta.

BATTERSI PER I DIRITTI ED UGUAGLIANZA LGBTQ, CHE VALORE HA PER VOI E PERCHE’, SOPRATUTTO SE PARAGONATO AD UN’EPOCA, GLI ANNI ’80, DOVE TUTTO ERA CONCESSO E NESSUNO VENIVA DISCRIMINATO A DETTA DI MOLTI CHE HANNO VISSUTO QUEL PERIODO DI “NEW WAVE” E “NEW ROMANTIC”. CON IL TEMPO PERO’ SI SONO CREATE BARIERE CHE OGGI, OGNI GIORNO, VENGONO NUOVAMENTE ABBATTUTE, PERCHE’ SECONDO VOI?

Laura: La discriminazione arriva da molto prima degli anni 80, bensì dagli albori dell’umanità, è radicata nell’essere umano, limitato spesso dal proprio pregiudizio del giudizio. Non esiste per la maggior parte della gente un fondo di cattiveria, esiste un percorso naturale di vita, cose ed eventi che hanno cadenzato il passo di una persona, che hanno fondato le basi dei suoi valori e la rispettiva percezione di cosa sia giusto o sbagliato. Battersi per i diritti di chi vuole amare come e chi gli pare, per noi assume specialmente un valore artistico volto a sensibilizzare con la nostra musica le persone al rispetto di ogni essere vivente.

IL MESSAGGIO DI PAPA FRANCESCO E’ STATO MOLTO IMPORTANTE, COME LO VIVETE?

Greta: Stiamo facendo veramente dei passi da gigante. Tutti hanno il sacro santo Diritto di essere liberi e felici. Grazie a Papa Francesco la chiesa, sotto questo punto di vista, si sta sensibilizzando sempre di più al suo interno.

PERCHE’ SI PARLA TROPPO SPESSO DI VIOLENZA SULLE DONNE E QUASI MAI, SE NON GAY, DI QUELLA SUBITA DAGLI UOMINI?

Greta: Violenza di genere, maschicidio. 5 milioni di uomini ogni anno sono vittime delle violenze femminili. Capita che se un uomo è vittima di una forma di violenza e trova il coraggio di denunciarla nonostante il rischio di derisione perché dimostra una fragilità non consona allo stereotipo di virilità e forza, allora non è creduto. La violenza contro gli uomini penso sia un serio problema sociale, un tabù. Secondo me è oggetto di meno attenzione della violenza contro le donne viene indicato lo stereotipo dell’uomo come sesso forte di natura. Ma ricordiamoci che non c’è solo violenza fisica ma anche psicologica ed economica. Insulti, umiliazione, distruzione di beni, minacce, ricatti… ci sono delle alte percentuali imbarazzanti al riguardo.

COME VI VEDETE TRA 20 ANNI ED IN CHE MONDO?

Greta: Tra 20 anni saremo tutte felici con le proprie famiglie, immerse sempre con il cuore nella musica. Calcheremo ancora tanti palchi, insieme. Sarà un mondo migliore, un mondo senza pregiudizi pieno d’amore. Un mondo giusto, libero.

IL VOSTRO MESSAGGIO PIU’ INCISIVO CHE VOLETE ARRIVI A TUTTI E’?

Le Deva: Noi parliamo sempre di amore, amor proprio, libertà, uguaglianza e giustizia.

“Non sarà solo una bandiera a portare il colore, raccontare di un’altra libertà che muore. Perché l’amore non vuole né legge, né pretesa perché chiamarci amanti è una condanna accesa. Non c’é nessuna vergogna in questo amato amore, Sarà un arcobaleno a fare una canzone perché chi giudica trema e chi ama vince sempre nessuno deve soffrire nessuno merita di odiarsi perché non si accetta, il mondo pensa che è diversa, un solo bacio e si imbarazza poi condanna una carezza, perché crede malattia una sporca fantasia quella che da sempre è la storia solo mia. L’amore merita”.

LA DOMANDA A CUI VORRESTE RISPONDERE E CHE NESSUNO VI HA MAI FATTO E’? 

Laura: COME TI VEDI A 70 ANNI? E mi piacerebbe rispondere: Come Steven Tyler ora che ne ha 72 ed è ancora un figo pazzesco e in super rock attività.

Roberta: Vi piacerebbe esibirvi suonando anche dal vivo? Assolutamente si!!!! 

Greta: HAI MAI PENSATO DI ABBANDONARE IL GRUPPO? Si, è capitato. A volte per rabbia si dicono cose che non si pensano realmente. Siamo una famiglia. E la famiglia deve rimanere unita. ♥️

Grazie ragazze, è stato un piacere!

Grazie a te Alex.

Alex Molla 🎧

Related Posts

Madonna - Alex Molla
Madonna da Record su Spotify nel 2020
oscar-anton-alex-molla -september-pack-artwork_
Oscar Anton con “bye bye” è il nuovo fenomeno musicale!
IGLTA promuove l’inclusione e i diritti LGBTQ+ nei Caraibi