fbpx
lunedì, Agosto 10, 2020

La prossima meta arcobaleno? Scopri tutte le bellezze della Thailandia

Reading Time: 2 minutes

Sembra strano ma la Thailandia è uno fra i paesi più friendy del sud est asiatico. Anche se confina con l’Indonesia in cui essere omosessuale è ancora un reato, la Thailandia è riuscita a volgere lo sguardo al futuro di una società in continua espansione. Fra gli anni ’80 e ’90 è diventata uno fra i paesi più industrializzati al mondo con una economia alquanto stabile. Si vive grazie al turismo, all’export e al settore manifatturiero. E proprio grazie alle sue spiagge di sabbia finissima, il mare cristallino e le stratificazioni storiche, la Thailandia ha potuto aprire le porte al turismo, anche quello arcobaleno. L’omosessualità non è più un crimine dal 1958, mentre è solo dal 2002 che il Ministero della Salute ha deciso che essere gay non è più una malattia mentale. Ancora non ha il matrimonio ugualitario, ma dal 2018 c’è un dibattito teso e serrato sull’argomento, dato che una petizione avrebbe portato a una raccolta firme di ben 60mila persone disponibili ad accettare una proposta di legge.

Thailandia

La Thailandia quindi pur non essendo al 100% arcobaleno, non si pone limiti se viene considerata una meta friendly. Il tenore di vita infatti permette alla comunità di poter vivere liberamente la propria sessualità, senza correre troppi pericoli. Le manifestazioni di affetto ancora non sono alla luce del giorno, ma questo non vuol dire che non sono ben accette. Resta quindi un paese da scoprire e, soprattutto, da amare. Da visitare in ogni periodo dell’anno, adatto sia per i viaggi di coppia ma anche per i single che cercano fugaci avventure.

Cosa c’è da vedere? Sicuramente Bangkok  è da non perdere. È la capitale della Thailandia, è una metropoli multiculturale, piena di gente, di usi e costumi e, ad oggi, è considerata la meta gay più gettonata del sud-est asiatico. Oltre alla cultura e alle tradizioni locali, ci sono i divertimenti che sono costruiti ad hoc per qualsiasi tipo di turismo. I locali di Silom Soi sono, per esempio, i più i più caratteristici e i più gettonati.  C’è anche da visitare il Pattaya, per la sua vita notturna trasgressiva e Chiang Mai per i suoi cabaret show. La Thailandia però, prima di tutto solo e mare. Le spiagge sono l’attrazione principale, in cui è possibile immersi in un’atmosfera calma e pacata e gustare di un sole caldo e raggiante. Consigliate sono le isole di Koh Panghan, e di Samuni, come anche quelle di Samet e di Koh Chang.

 

Scarica lo speciale di QMagazine sulla Thailandia

Thailandia

Related Posts

Black Eyed Peas_b Parole e Dintorni Alex Molla
I Black Eyed Peas tornano con un nuovo progetto discografico!
Vacanza di Primavera a Dublino, capitale LGBT dell’Irlanda
Puglia: la meta LGBT dove puoi festeggiare il Carnevale