fbpx
sabato, Settembre 21, 2019

La Norvegia è il regno dei diritti LGBTQ. Ecco cosa ha da offrire la capitale vichinga per il turismo arcobaleno

Il nord Europa è il regno delle grandi opportunità. Le terre sono fredde, gelide ma i cuori sono caldi, accoglienti e ospitali. Le lande che in passato sono state popolate da dei, miti e leggende, ora sono tra i primi paesi al mondo nel dare pari diritti a tutti. Soprattutto la Norvegia resta uno dei paesi europei più liberali, aperto alle diversità di sesso, colore e razza e soprattutto è uno fra i primi a riconoscere le unioni fra persone dello stesso sesso.

La Norvegia, la patria dei vichinghi teutonici, da tempo è diventata la meta per un turismo arcobaleno variegato, che risponde a tutte le esigenze, per chi cerca cultura, divertimento e chi vuole conoscere le tradizioni di un paese intriso di storia. È l’agenzia “VisitNorway” che, negli ultimi periodi, proprio per il turismo LGBTQ, sta acquisendo notorietà nell’ambiente, diventando un vero e proprio punto di riferimento. Attualmente le coppie gay e lesbiche, ma anche quelle eterosessuali, sono innamorate delle terre Norvegesi. E la stessa Norvegia è orgogliosa di portare avanti il suo primato. Da visitare soprattutto in primavera e in autunno, ma anche l’estate con i suoi gradevoli 20 gradi, rappresenta una valida alternativa a chi vuole fuggire dal sol leone.

Oltre alle gite fra i fiordi e le visite ai piccoli centri abitati sparsi nella tundra, la Norvegia offre tanti, tantissimi eventi gay-friendly. Se cerchi bar, locali e eventi culturali che sono indirizzati ad un pubblico LGBTQ, le città di Oslo, Bergen e Trodheim sono le più richieste. Di spicco è l’Olslo Pride, la sfilata dei carri allegorici, che rappresenta uno fra gli eventi più importanti per la comunità e che attira migliaia di persone.

Ad Oslo ad esempio, ogni anno si svolge un festival cinematografico chiamato “Oslo/Fusion”, incentrato su film gender free; è di casa il coro Oslo fagottkor, che è stato nominato il miglior coro gay al mondo ai campionati non ufficiali di Copenaghen 2009.E per chi ama lo sci, dal 2010, si organizza un festival per gay e lesbiche che si svolge a Hemsedal, una delle località sciistiche più belle della Norvegia. Nasce per integrare e creare un ponte fra la città e le bellezze della tundra. Se siete in cerca di una meta per il prossimo viaggio, la Norvegia può essere una valida alternativa.

Related Posts

Tenerife LGBT
La tua meta per le vacanze di settembre? C’è l’isola di Tenerife
Gran Canaria LGBT
La meta più gettonata per la tua vacanza LGBT? In testa c’è la Gran Canaria
Formentera-friendly
Formentera: viaggio nell’isola friendly dell’arcipelago delle Baleari