fbpx
mercoledì, Ottobre 16, 2019

La città di Vienna diventa capitale arcobaleno. In arrivo a giugno del 2019 l’EuroPride

Nel cuore dell’Europa, vicino le sponde del Danubio, la città di Vienna custodisce una parte inestimabile del patrimonio artistico e intellettuale della storia moderna e contemporanea. In un mix tra antico e moderno, in un luogo dove la metropoli si fonde con miti e leggende, la città di Vienna nell’estate di quest’anno, diventa capitale arcobaleno dato che, dal primo al 16 giugno, si svolgeranno le attività legale all’EuroPride 2019.

Numerosi gli eventi che vestiranno a festa la capitale austriaca, tra dibattiti, manifestazioni culturali e party a favore della tolleranza, dei diritti e contro l’omofobia e l’emarginazione. Non ci sarà solo la sfilata dei carri, infatti numerose manifestazioni collaterali sono già confermate. Come l’EuroPride Run, il Pride Beach, il Pride Day al Giardino Zoologico, visite guidate tra i musei più celebri della città di Vienna, serate cinematografiche e l’Euro Pride Pool Day. Per l’occasione è stata realizzata una Vienna City Card che, a partire da 17 euro, permette di spostarsi gratuitamente sui mezzi pubblici della città. La piazza di Rathausplaz sarà il centro della comunità organizzativa dell’Euro Pride, il Pride Park invece sarà allestito di fronte la Chiesa Votiva. I festeggiamenti culmineranno poi il 15 giugno con il Rainbow Parade che sfilerà lungo la prestigiosa Ringstrasse di Vienna e, per l’occasione, si prevedono più di un milione di visitatori.

Ma le celebrazioni dell’orgoglio omosessuale sono il fil rouge del 2019 per la città di Vienna. Il 26 gennaio ad esempio,  il 22esimo Ballo dell’Arcobaleno, anche quest’anno ha regalato ampio spazio alla comunità LGBT, dove a ritmo di valzer, samba e fox, l’evento è stato esteso sia alle coppie etero che a quelle arcobaleno.

La madrina d’eccezione sarà la drag queen Die tiefe Kummernis, che da due anni ormai guida i visitatori attraverso le bellezze storiche della città. Celebre sono le sue letture queer all’interno del Museo di Storia dell’arte di Vienna, un evento tra i più importanti della manifestazione, replicato con successo alla luce di un buon riscontro da parte del pubblico. Ma tutta la città di Vienna si tinge di colori diversi, dato che molti dei locali celebri alla comunità, in vista del Pride, organizzano serate ed eventi a tema. Richieste sono gli incontri organizzati al Lazy Life, uno dei bar queer-femministi più antichi della città.

Al di là dei festeggiamenti, il Pride del 2019, è così denso di significato perché cade proprio a 50 anni di distanza dai famigerati Moti di Stonewall che sconvolsero la città di New York. Proprio dall’America  si è alzato il coro di chi ha inneggiato alla parità di diritti per gli omosessuali. Echi che sono arrivati anche in Europa e, gli eventi che abbracciano la città di Vienna, fanno intuire quanto è forte la voglia e il desiderio di combattere per una causa così importante per la generazione di oggi e di domani.

Related Posts

Berlino LGBT
Berlino è la nuova capitale LGBT del turismo in Europa. Ecco casa c’è da vedere in città
Luisa la nuova stella musicale con “Amore e Louis Vuitton”
San Francisco LGBT
San Francisco è la meta LGBT più amata di sempre. Ecco perché visitare la città è un dovere