fbpx
venerdì, Settembre 20, 2019

Jean Auguste Dominique Ingres a Milano

Palazzo Reale espone Ingres e la vita artistica al tempo di Napoleone

Jean Auguste Dominique Ingres e la vita artistica al tempo di Napoleone al Palazzo Reale di Milano espone 150 opere, di cui più di 60 del grande maestro francese.

Nell’atelier di David dal 1797, Ingres vinse il Prix de Rome nel 1801. Si recò a Roma nel 1806, dove copiò l’antico e soprattutto Raffaello, per il quale ebbe una nota venerazione.

A Roma dipinse anche paesaggi e si interessò, in anticipo sul Romanticismo, ai pittori gotici e a quelli del ‘400 italiano. Nel 1834 divenne direttore dell’Accademia di Francia per sei anni.

Il Neoclassicismo di Ingres si differenzia da quello di David. Se quello di David è decisamente più innovativo, quello di Ingres è intimo e meditativo, meno archeologico e più ritmato.

Allo stesso tempo Ingres pratica un distacco intellettualistico e tende a una specifica purezza e a un’astrazione che annunciano una sensibilità già romantica e decisamente intimistica, un modo di sentire che aspira a un vivo soggettivismo.

 

Jean Auguste Dominique Ingres e la vita artistica al tempo di Napoleone
Milano, Palazzo Reale
12 marzo – 23 giugno 2019

www.mostraingres.it

 

J.A.D. INGRES Napoleone sul trono imperiale,
1806
Olio su tela
260 x 163 cm
© Paris – Musée de l’Armée, Dist. RMN-Grand Palais / Emilie Cambier

J.A.D. INGRES Torso d’uomo, 1799 Olio su tela
99 x 80 cm
Musée Ingres, Montauban

J.A.D. INGRES Il sogno di Ossian, 1813 Olio su tela
348 x 275 cm
Musée Ingres, Montauban

Jean-Auguste-Dominique Ingres (1780-1867). “François Ier reçoit les derniers soupirs de Léonard de Vinci”. Huile sur toile, 1818. Musée des Beaux-Arts de la Ville de Paris, Petit-Palais.

J.A.D. INGRES Grande odalisca (versione in chiaroscuro, 1830 circa
Olio su tela
83,20 x 109,20
cm.
The Metropolitan Museum of Art, New York, Catharine Lorillard Wolfe Collection, Wolfe Fund, 1938

JACQUES-LUIS DAVID Nudo maschile detto Patroclo, 1780
Olio su tela
121,5 x 170,5 cm.
©Cherbourg-en-Cotentin, muséè Thomas Henry

Related Posts

nina zilli, festival mix, lgbt
12.000 spettatori al Festival Mix Milano: un’edizione da record (anche noi c’eravamo)
Gay dovete morire: ultima aggressione omofoba a Milano
“Il nudo maschile nella fotografia e nella moda” di Leonardo Iuffrida