fbpx
venerdì, Gennaio 15, 2021

Il Venezuela chiede all’Assemblea Nazionale l’introduzione dei matrimoni LGBTQ+

Reading Time: < 1 minute

Dopo le dichiarazioni di Papa Francesco riguardo le unioni civili, in Venezuela, il Presidente Nicolas Maduro ha chiesto all’Assemblea Nazionale di valutare l’introduzione dei matrimoni LGBTQ+.

Attualmente, in Venezuela non vige una grande legislazione in materia di diritti LGBTQ+. Lo stato, con un orientamento fortemente cattolico romano, ha legalizzato l’omosessualità a partire dal 1997 ma da quel momento poco è stato fatto. L’unica forma di protezione riconosciuta dalla legislazione venezuelana sono delle leggi antidiscriminatorie sul luogo del lavoro, nella prestazione di bene e servizi o sulle forme di discriminazione indiretta. Niente a riguardo per le unioni civili o per i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Così, il Presidente Maduro, rivolgendosi alla prossima Assemblea Nazionale che si terrà nel mese di gennaio, dopo le elezioni di dicembre, ha affermato: “Ho amici e conoscenti che sono davvero felici di quello che ha detto il Papa. Lascerò questo compito, il compito del matrimonio LGBT, alla prossima Assemblea Nazionale”.

Related Posts

Nicholas Yatromanolakis, il primo ministro gay della Grecia, si racconta
Repubblica Ceca: no all’adozione da parte di coppie gay
10 traguardi LGBTQ+ del 2020