fbpx
lunedì, Luglio 15, 2019

“Il nudo maschile nella fotografia e nella moda” di Leonardo Iuffrida

Da Von Gloeden ai nostri giorni

L’uomo nudo è una prospettiva privilegiata per un’accurata indagine intorno all’identità maschile (e anche e soprattutto la sua percezione) attraverso la storia della fotografia che, fin dai suoi esordi, ne dispensò un vero e proprio genere.

Seguendo un’analisi cronologica delle diverse testimonianze legate al mondo dell’arte e della comunicazione (fotografia certo, ma anche diverse campagne pubblicitarie, editoria e tanto cinema) il libro di Iuffrida pubblicato da Odoya ricostruisce i presupposti culturali per interpretare i mutamenti – nonché i simboli – della rappresentazione del corpo maschile nudo.

L’iper-virilità, ad esempio, che nelle immagini disegnate da Tom of Finland (1920 – 1991) è storicamente considerata la metafora di una ricerca di emancipazione e di libertà (della comunità gay americana e europea a partire dagli anni ’50), rivista in un’epoca come la nostra – invasa da un attributo iconografico molto mascolino come la barba (spesso curatissima, sfumatura che ha fatto la fortuna di diversi barber shop) – può avere un significato diverso rispetto al ricordato passato, e può essere legata a un senso rassicurante di omologazione secondo il quale si schiva ogni femminilizzazione estetica.

Questa è soltanto una delle tante prospettive per leggere il fenomeno. Si stratta comunque di una storia ancora aperta e di prospettive non necessariamente universali, dal momento che, come il libro di Iuffrida dichiara, questa  storia particolare ha ancora tanto da raccontare.

Tra i protagonisti di questa incursione nel mondo del nudo maschile: il barone tedesco Wilhelm von Gloeden che dalla fine dell’Ottocento fotografò efebi nudi in un’atmosfera posticciamente arcadica, fino ai fotografi protagonisti del Novecento come: Bob Mizer, Robert Mapplethorpe, Bruce Weber, Herb Ritts, Terry Richardson, Steven Klein e Mariano Vivanco.

 

Il nudo maschile nella fotografia e nella moda

di Leonardo Iuffrida

272 pagine, 18 euro

Collana Odoya Library

Foto di Wilhelm von Gloeden

Foto di Bob Mizer

Disegno di Tom of Finland

Related Posts

Jean Auguste Dominique Ingres a Milano
Antonello da Messina a Milano
La macchina tritacarne del sospetto: “Il Principio di Archimede” di Josep Maria Mirò a Roma