fbpx
lunedì, Luglio 13, 2020

Il Barocco romano ad Amsterdam con Caravaggio e Bernini

Reading Time: 2 minutes

L’arte a Roma della prima metà del Seicento con sessanta opere in mostra al Rijksmuseum di Amsterdam

I nomi di Michelangelo Merisi da Caravaggio (1571-1610) e di Gian Lorenzo Bernini (1598-1680) sono ben noti anche al grande pubblico e non soltanto a amanti e specialisti dell’arte, mentre questa mostra, pur avendo come parametri fondamentali i lavori di questi due geni italiani (dagli interni oscuri e dall’illuminazione teatrale dei dipinti di Caravaggio, alle monumentali e fantasmagoriche costruzioni plastiche di Bernini), ci restituisce un panorama molto più complesso ed eterogeneo, quello di una fortunata stagione artistica chiamata Barocco che partì da Roma e si irradiò presto in gran parte dell’Europa.

La mostra (organizzata in collaborazione con il Kunsthistorisches Museum di Vienna, dove è stata già realizzata dal 15 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020) sarà guidata da alcuni concetti letterari e artistici di fondamentale importanza (meraviglia, vivezza, moto, scherzo, terribilità), interpretati per capire le caratteristiche di un’epoca così ricca di contrasti e slanci estetici contrastanti e non unidirezionali, da essere difficilmente messa a fuoco con precisione.

Oltre ai due grandi artisti citati, la mostra presenterà una serie di capolavori di pittori come: Ludovico e Annibale Carraci, Guido Reni, Giovanni Baglione, Orazio e Artemisia Gentileschi, Nicolas Poussin, Simon Vouet, Guercino, Bartolomeo Manfredi e Tanzio da Varallo, e scultori come Alessandro Algardi, François du Quesnoy e Francesco Mochi.

 

Caravaggio-Bernini. Baroque in Rome

allestimento: Formafantasma

14 febbraio – 7 giugno 2020

Rijksmuseum, Amsterdam

www.rijksmuseum.nl

Michelangelo Merisi da Caravaggio, L’incoronazione di spine, Roma, c. 1603 tela, 127 × 166 cm Vienna, Kunsthistorisches Museum Inv. no. 307

Michelangelo Merisi da Caravaggio, ragazzo morso da una lucertola c. 1597/98, Firenze, Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi

Gian Lorenzo Bernini, Medusa, Roma, 1638–40 Marmo con tracce di patina originale, h. 46 cm Roma, Musei Capitolini, Palazzo dei Conservatori Inv. no. MC 1166 © Pinacoteca Capitolina. Foto: Andrea Jemolo

Francesco Mochi, Santa Veronica, Roma, 1630/31 (modello), 1630 / 31–1654 (esecuzione) Lega di rame con patina laccata traslucida pigmentata, h. 46,7 cm Inghilterra, collezione privata Foto: Maisie Hill

Artemisia Gentileschi, Maria Maddalena in estasi, Roma o Venezia, c. 1620/25 o c. 1630/35 Tela, 81 × 105 cm Collezione privata europea Foto: Saint Louis Art Museum

Carlo Saraceni, Giuditta con la testa di Oloferne, c. 1610, Kunsthistorisches Museum di Vienna

Giovanni Antonio, Galli, chiamato Spadarino Cristo esponendo le sue ferite Roma, c. 1625–35 tela, 132,3 × 97,8 cm Perth, Perth Museum and Art Gallery & Kinross Council, Scozia Inv. no. FA 192/78

Annibale Carracci e studio. Venere e Adone, XVII secolo, Kunsthistorisches Museum di Vienna