fbpx
giovedì, Gennaio 21, 2021

I vescovi polacchi chiedono l’apertura di cliniche per la terapia di conversione LGBTQ+

Reading Time: < 1 minute

A seguito della Conferenza Episcopale Polacca, i vescovi hanno redatto un documento di 27 pagine dove illustrano la loro posizione a riguardo delle questioni LGBTQ+. In particolare, è stata promossa l’idea di istituire delle cliniche per la terapia di conversione per le persone LGBTQ+ in Polonia.

Il documento afferma: “Alla luce delle sfide create dall’ideologia di genere e dai movimenti LGBT+, e soprattutto tenendo presente le difficoltà, le sofferenze e le ferite spirituali vissute da queste persone è necessario creare cliniche (con l’aiuto della chiesa o all’interno delle sue strutture) per aiutare le persone a ritrovare la loro salute sessuale e il loro naturale orientamento sessuale. Queste cliniche hanno senso anche quando la trasformazione sessuale completa è troppo difficile, in quanto possono ancora aiutare gli psicosessuali ad affrontare sfide significative”.

Nonostante i vescovi polacchi abbiamo ammesso che la terapia di conversione non sia supportata da prove scientifiche, sostengono che delle testimonianze hanno dimostrato che la sessualità diversa non è un giudizio irrevocabile ma un sintomo di ferite a vari livelli della personalità.

Related Posts

La Polonia si illumina dei colori dell’arcobaleno in sostegno della comunità LGBTQ+
Canada | Reintrodotto il disegno legge per vietare la terapia di conversione LGBTQ+
L’Irlanda del Nord si impegna per vietare la terapia di conversione