fbpx
domenica, Agosto 18, 2019

Ellen DeGeneres: Il Sogno Americano esiste

Arrivata all’apice del successo, fu estromessa dalla TV perché gay. Oggi conduce uno show che porta il suo nome ed entra nelle case degli americani ogni giorno da più di dieci anni.

“Sono contenta di essere divertente, sono contenta di far ridere la gente, perché questo è molto importante. Ma ciò che mi rende più orgogliosa è essere riconosciuta come una persona gentile, perché la gentilezza si diffonde e il mondo diventa un pochino più bello”. Questo è il pregio di Ellen DeGeneres, una donna potentissima che non giudica perché è stata a lungo giudicata, e che ha fatto di ciò che è, una lesbica, un vessillo. Rappresenta la sopravvivenza, nel terzo millennio, del sogno americano: è nata infatti a Metaire, un census designated place, ovvero un agglomerato urbano senza identità: meno di un paesino. Ha vissuto fra Luisiana e Georgia, nel profondo Sud. Eppure sua madre, Betty, con cui è cresciuta da sola a partire da 15 anni, saputo della sua omosessualità, è diventata una delle attiviste etero più importanti per il movimento di liberazione omosessuale.

Ellen DeGeneres

Ellen ha fatto ogni mestiere, dalla commessa alla venditrice di ostriche e forse per questo riesce a creare una grande empatia con le persone.

È stata come una valanga che è riuscita a cambiare radicalmente l’immaginario collettivo sul mondo gay vagando in punta di piedi nello show business, con la sua leggerezza, con la sua comicità. “Fin da bambina ho sempre osservato le persone e gran parte di quel che sono, come comica, dipende da questo spirito di osservazione. Per questo il mio pubblico oggi è formato da telespettatori molto diversi, ed è una cosa che adoro.”

L’inizio della sua carriera è segnata dalla morte di una sua ex ragazza. “Quando ci siamo lasciate, volevo solo darle una lezione, e sono andata a stare da alcuni amici”, ha raccontato. Passato qualche giorno si incontrarono a un concerto. “Lei cercava di farmi tornare a casa. Ho fatto finta di non sentire per via della musica troppo alta. Sono stata sprezzante”. Subito dopo l’incidente stradale. Il senso di colpa l’ha pervasa per molto tempo. Ricorda di aver pensato: “Sarebbe bello prendere il telefono, chiamare Dio e parlarne con lui”. Da qui derivò il monologo della “telefonata a Dio” in cui si prefigura la gran comicità e sensibilità di Ellen. 

Ellen DeGeneresHa fatto tanto cabaret e televisione fino a giungere alla sitcom decisiva: These Friend of Mine, divenuta ben presto Ellen. Certa del suo successo e stanca di ipocrisie, in una puntata della quarta stagione Ellen personaggio fa coming out, e Ellen DeGeneres non può che andarle dietro, conquistando la copertina del Time. Segue un’intervista con Oprah Winfrey, da cui scaturisce un episodio della serie in cui c’erano tutti i tormenti della consapevolezza dell’essere gay e poi l’outing con la società. Era la prima attrice apertamente omosessuale a dichiararlo attraverso un personaggio apertamente omosessuale. Ci furono 42 milioni di spettatori. Alcune aziende ritirarono la loro sponsorizzazione alla sitcom nonostante questo, dimostrando quanto ottuso e controproducente può essere un pregiudizio. “Ho sempre pesato che dovevo tenere la mia vita privata fuori dalle mie interviste, ma tutti sapevano che ero gay, così io avevo escogitato almeno dieci modi per eludere le domande sul mio essere gay, poi mi sono chiesta perché facevo questo enorme sforzo”. Ma Ellen aveva ragione a temere. La sitcom non fu più promossa dal canale, calarono gli ascolti nonostante si prestassero a risollevarla guest star come Sean Penn e Emma Thompson. Letteralmente espulsa dalla TV, Ellen DeGeneres tornò al cabaret. Le condanne furono pesanti “Veramente il pastore Jerry Falwell mi ha chiamato Ellen Degenerata? Mi hanno chiamato così dalla quarta elementare. Sono contenta di avergli dato un tema per lavorare”.

Ellen DeGeneresEllen aiutò in seguito tantissime giovani fan grazie a questo momento buio: “Se sei rattristata perché le persone ti giudicano in base a chi ami, non perdere la speranza. Io sono stata licenziata per il fatto di essere gay, e so come ci si sente. Ho perso tutto. Ma guardami adesso”. Animata da una grande fede cristiana non ne fa un segreto con il suo pubblico: “Guardo ogni cosa in natura, dal movimento delle stelle alla perfezione delle piramidi, e non posso immaginare che non ci sia un disegno in tutto questo. Ci deve essere qualcosa di grande e incomprensibile. Io credo in Gesù. Credo nell’amore per il prossimo. La vita consiste nel contribuire alla creazione, non nel togliere a ciò che è. Questa è la mia fede”.

Ellen DeGeneresCome tutti sanno oggi Ellen ha un suo show televisivo in piedi dal 2003, The Ellen DeGeneres Show che va in onda ogni giorno per circa un’ora. In dieci anni ha vinto 32 Emmy. Ellen ha ricevuto la sua stella sulla leggendaria Walk of Fame di Hollywood, ha condotto serate degli Oscar, ed eventi fondamentali per la cultura americana.

Fortunata anche in amore ha sposato a Los Angeles Portia De Rossi. Insieme sono considerate una delle coppie più potenti del mondo secondo Forbes. Il matrimonio è stata l’occasione per ribadire la sua scelta difficilissima, e amaramente scontata, di dichiarare la verità.

Scoprite chi siete, e diventate quella persona. Questo il motivo per cui la vostra anima è su questa terra, scoprite la verità e vivetela. Tutto il resto verrà da sé”.

Ellen DeGeneres

La penna femmina
Ellen DeGeneresUno dei monologhi più famosi di Ellen DeGeneres riguardava la scelta di Bic di produrre una penna solo per donne. Ecco alcuni stralci del monologo:
“Noi donne abbiamo fatto progressi: possiamo votare, portare i pantaloni, guidale le automobili. Ora mi chiedo: come abbiamo potuto vivere senza penne da donna fino adesso? Così le hanno prodotte e le fanno, ovviamente, nei due colori da donna: rosa e lilla. Sono uguali alle altre, ma sono rosa e per questo costano il doppio. Solo che non ci sono le istruzioni! Come faremo a usarle? Così ho letto… ehm… ho chiesto ad un uomo di leggere dietro alla confezione e c’era scritto “creata per la mano femminile”. A quel punto ho deciso di aiutare la Bic facendo da testimonial della penna femminile.”

Ellen DeGeneresParte dunque lo spot in cui è affiancata da una bambina e entrambi sono vestite come negli anni Cinquanta.
“Una penna con cui scrivere le proprie opinioni e gettarle, con cui scrivere le cose che ti detta il tuo capo che guadagna il doppio di te solo perché uomo, una penna con cui scrivere la lista per la spesa del cibo da cucinare al tuo uomo.”

 

Letizia Strambi

Related Posts

Victoria’s Secret ingaggia la prima modella transgender!
MODUS VIVENDI presenta la Bodybuilder Line
Il parlamento britannico al voto per estendere i diritti sull’aborto e sul matrimonio tra la coppie dello stesso sesso in Irlanda del Nord