fbpx
sabato, Settembre 21, 2019

Carnevale a Milano targato LGBT e molte curiosità

Il Carnevale è l’occasione perfetta per mettere da parte la timidezza e dare sfogo al divertimento! Stai cercando party LGBT di Carnevale a Milano?

Nel quartiere arcobaleno di Porta Venezia e non solo, ci saranno molte feste. Al q|Lab (via Padova 21) l’appuntamento è con il Carnival LGBT Party, in programma venerdì 8 marzo per tutta la notte ai ritmi della musica pop anni ’80 ’90 ’00. 

Sabato 9 Marzo le feste LGBT e gay friendly saranno tantissime.

Date un’occhiata a questi eventi: nella discoteca ormai storica nell’ambiente LGBT non perdete il ‘costume content’ organizzato da Vogue Ambition e Butterfly Milano al BH BLACK HOLE Milano (Viale Umbria 118, Milano).

Per chi ama il Carnevale più classico ed elegante consigliamo il ‘Carnival Hotel Party’(HOTEL SHERATON Diana Majestic via Piave, 42), il tema consigliato è ‘Venetian Mask’.

Mentre al BASE (Via Bergognone, 34) ci sarà la Masquerada 2019 ‘United Colors of Carnival Party’, 7 ore di musica sotto il segno dell’uguaglianza, una festa dove leviamo la maschera e siamo tutti uguali, nessuna razza e nessun genere.

Il Carnevale Ambrosiano però non è solo party nei locali, ma ha un forte richiamo all’identità storica e culturale della città, anche se, i milanesi sono conosciuti per andare sempre di fretta, il Carnevale Ambrosiano in onore del patrono della città Sant’Ambrogio, non si festeggia con il resto dell’Italia ma con 4 giorni di ritardo.

I festeggiamenti non terminano il martedì grasso ma raggiungono il culmine il sabato successivo, chiamato sabato grasso

Perché? La leggenda narra che il vescovo Ambrogio fosse impegnato in un pellegrinaggio religioso e chiese alla città di posticipare il carnevale fino al suo rientro. Come ad ogni festa tradizionale carnevalesca tutte le città hanno un protagonista. Sicuramente tutti conoscete Arlecchino la tipica maschera di Bergamo oppure Pulcinella di Napoli…

A Milano l’indiscussa star è Meneghino, un personaggio della commedia teatrale del diciassettesimo secolo. Meneghino dal costume facilmente riconoscibile perché indossa un capello a tre punte, una lunga giacca marrone, pantaloni corti e calze a righe bianche e rosse, è la rappresentazione di un servo che benevolmente prende in giro i suoi padroni ricchi. A quei tempi, i nobili che non avevano la possibilità di mantenere un domestico fisso, almeno la domenica assumevano un servo pagato per l’intera giornata per questo chiamato Meneghino, il diminutivo di Domenico

Come ogni anno ci sarà un tema portante di richiamo alla storia della città.

Quest’anno è Leonardo Da Vinci a 500 anni dalla sua scomparsa che ha ispirato la 44 esima edizione del carnevale milanese.  Quindi intuizione, scoperta, creazione, invenzione sono gli ingredienti principali per scatenare la vostra fantasia e creare la vostra maschera. Tutte le vie della città saranno ricche di coriandoli, musica, giocolieri e clown ed un lungo corteo di carri allegorici e maschere attraverserà le vie del centro fino ad arrivare in Piazza Duomo dove si svolgeranno diversi eventi. Ovviamente questa è anche un’occasione perfetta per assaggiare le golosità della tradizione meneghina, noi consigliamo assolutamente le chiacchiere e i tortelli! 

di Valentina Arca 

Costume Content of Vogue Ambition feat. Butterfly Milano, at BH BLACK HOLE MILANO

 

 

 

Related Posts

nina zilli, festival mix, lgbt
12.000 spettatori al Festival Mix Milano: un’edizione da record (anche noi c’eravamo)
Gay dovete morire: ultima aggressione omofoba a Milano
Jean Auguste Dominique Ingres a Milano