fbpx
venerdì, Gennaio 15, 2021

Bolivia: riconosciuto il primo matrimonio gay

Reading Time: < 1 minute

David Aruquipa e Guido Montaño sono la prima coppia gay a cui è stato consentito di registrare legalmente il loro matrimonio all’anagrafe boliviana.

In Bolivia, non esiste una forte legislazione in materia di diritti LGBTQ+; l’omosessualità è riconosciuta così come il diritto di cambiare genere o alcune leggi antidiscriminatorie ma le unioni civili, i matrimoni LGBTQ+ e l’adozione non sono ancora legalizzate nel Paese.

Ciò nonostante, Aruquipa e Montaño, dopo una battaglia legale durata due anni, la scorsa settimana sono riusciti a vincere la causa sostenendo che il divieto impostogli violava le norme internazionali sui diritti umani e che costituiva una discriminazione secondo la legge boliviana.

Un grande successo e traguardo per la comunità LGBTQ+ della Bolivia che ora spera in una revisione della Costituzione affinché questo non sia un caso isolato ma diventi legge effettiva. Aruquipa, anche attivista LGBTQ+ conosciuto nel Paese, ha affermato: “È un primo passo ma ciò che ci spinge è l’obiettivo comune di trasformare la legge”.

Related Posts

Nicholas Yatromanolakis, il primo ministro gay della Grecia, si racconta
Repubblica Ceca: no all’adozione da parte di coppie gay
10 traguardi LGBTQ+ del 2020