fbpx
mercoledì, Gennaio 27, 2021

Arcigay si rivolge a Signorini: l’omosessualità non è una scelta

Reading Time: 2 minutes

Durante l’ultima puntata del GF Vip, il conduttore, Alfonso Signorini ha affermato che l’omosessualità è una scelta. Le sue parole giungono parlando della situazione familiare di uno degli ormai ex concorrenti della casa, Giacomo Urtis, non più accettato dal padre dopo il suo coming out.

Tali parole hanno spinto Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay, ad esprimere la sua opinione tramite social network. Così, Piazzoni scrive: “Ieri sera, durante la trasmissione del Grande Fratello Vip, Alfonso Signorini, nell’atto encomiabile di sostenere la relazione complicata tra una persona omosessuale e i suoi familiari, ha più volte ripetuto che l’omosessualità è una scelta. Da rispettare, da sostenere, ma pur sempre una scelta, cioè il frutto del libero arbitrio di una persona.

Su questo la scienza ha in più occasioni ribadito il carattere biologico, cioè genetico, dell’omosessualità. Molti scienziati cioè ci dicono che gli omosessuali non scelgono di esserlo, ci nascono. E le scienze sociali dal canto loro hanno sottolineato innumerevoli volte l’importanza dei contesti nella consapevolezza e nell’espressione libera dell’orientamento sessuale di una persona. Cioè accanto al fattore biologico, nell’espressione dell’omosessualità contano fattori sociali e culturali.

Dire che una persona ha scelto di essere omosessuale fa intendere che quella stessa persona avrebbe potuto scegliere, al contrario, di non essere omosessuale. Quella persona avrebbe avuto insomma un’opzione alternativa, magari più affine alle aspettative dei familiari e delle persone attorno, ma con atto di forza l’ha esclusa. Non è così: non esistono alternative o opzioni diverse, non si sceglie se essere omosessuali o eterosessuali.

Ciò non toglie che nella vita di una persona omosessuale, nel suo percorso alla scoperta di se stessa, ci siano numerose scelte, alcune fondamentali. Se e quando fare coming out, cioè quando dire della propria omosessualità agli altri, ad esempio. Ma anche scelte che fanno altri al posto nostro: la scelta di esprimere – in famiglia, a scuola, al lavoro – il disprezzo per le persone gay e lesbiche, la scelta di due genitori di cacciare di casa un figlio o una figlia perché omosessuale, oppure la scelta di un’istituzione di garantire o meno un diritto a una persona, in quanto omosessuale.

Le scelte insomma non sono estranee al percorso di una persona gay o lesbica ma non sono l’origine di quel percorso. E questo vogliamo ribadirlo non per vezzo ideologico, né per fare la lezione al direttore Signorini, evidentemente in buona fede, semmai a tutela di tutte quelle persone che subiscono l’oppressione di chi, rispetto al loro orientamento sessuale, tenta di “far cambiare idea”, di “correggere”, di “riparare”, mettendo in atto pratiche che sfociano nella violenza e che in nessun modo devono apparire legittime, giustificabili ma anche solo dotate di un senso.

 

Pubblicato da Gabriele Piazzoni su Martedì 5 gennaio 2021

Maggiori info: https://bit.ly/3nnJlFk

 

Related Posts

Il Vaticano fa chiarezza sui commenti del Papa sulle unioni civili
Delitto a Ramallah: il primo romanzo a tematica gay friendly del palestinese Abbad Yahya ad essere tradotto in lingua occidentale
L’omosessualità nell’antica Roma