fbpx
domenica, Agosto 18, 2019

Angola: l’omosessualità non è più reato!

In Angola essere omosessuali non è più una condizione umana punita dal codice penale!

Dopo anni di dure lotte portate avanti dalla organizzazioni omosessuali del paese, l’Angola cancella dal suo codice penale la criminalizzazione dell’omosessualità. A rendere nota la notizia, che ha fatto il giro del mondo, è l’organizzazione  Human Rights Watch (Hrw). Per mezzo di un suo portavoce l’Hrw ha fatto sapere:

Il Governo ha inoltre vietato ogni discriminazione basata sull’orientamento sessuale, prevedendo che chiunque si rifiuti di dare lavoro o di fornire servizi a causa dell’orientamento sessuale della persona incorrerà nella pena d’incarcerazione fino a un massimo di due anni”. 

Angola: l’omosessualità non è più reato!

Così il presidente Lourenço, alla guida del Paese africano dal 2017 succeduto a José Eduardo dos Santos quest’ultimo responsabile di quasi 40 anni di dominio totalitario, porta avanti una campagna per svecchiare il paese e renderlo più libero. Primo segnale di questa tendenza è stato nel 2018 quando Lourenço ha riconosciuto ufficialmente un’associazione per la difesa dei diritti omosessuali. 

Angola: l’omosessualità non è più reato! by Getty Images

Leggi il nuovo QMagazine dedicato alla città più libera e colorata del mondo!

Clicca culla COVER per ordinare il tuo numero di QMagazine!

Related Posts

Il sacerdote scomunicato Mario Bonfanti ora reverendo in una chiesa LGBTQ+
Le fate ignoranti diventa una serie tv (dichiarato dallo stesso regista Ferzan Özpetek)
Fedez tuona contro il Congresso di Verona